Rosso di Montepulciano

Il vino Rosso di Montepulciano Doc viene prodotto all'interno del comune di Montepulciano in provincia di Siena. Numerose sono le testimonianze storiche legate alla sua eccellenza. Lo troviamo ad esempio esaltato come "re d'ogni vino" nel poemetto Bacco in Toscana del 1685 scritto da Francesco Redi, illustre medico e naturalista, ma anche sommo poeta. La fortuna che ebbe questo scritto procurò al vino di Montepulciano prestigio e popolarità anche all'estero e lo rese uno dei vini più richiesti nella corte di Guglielmo III re d'Inghilterra, di Scozia e d'Irlanda. L'istituzione della Doc Rosso di Montepulciano è recentissima e si affianca a quella del Vino Nobile di Montepulciano con cui condivide l'area di produzione, distinguendosi da essa unicamente per quanto riguarda la resa per ettaro, la gradazione alcolica e l'invecchiamento.

 Vitigno

Sangiovese (Prugnolo gentile da 70 a 100%) come vitigno base, con l'eventuale aggiunta di Canaiolo nero (fino al 20%). Possono concorrere, fino al 20%, altri vitigni autorizzati e raccomandati purché la percentuale dei vitigni a bacca bianca non superi il 10%. Sono esclusi i vitigni aromatici, ad eccezione della Malvasia del Chianti. La resa ettariale è di 100 quintali.

 Caratteristiche

Aspetto    Colore rubino.
Profumo   Intensamente vinoso.
Gusto   Il sapore è asciutto, persistente, leggermente tannico.
Gradazione  

Gradazione alcolica minima 11,50% vol.

Età ottimale  

Non è previsto invecchiamento.

 Calice e servizio

Va servito in calici ballon a una temperatura di 16-18 °C. 

 

  Zona di produzione

  

  Tipologie

  • Vino Rosso di Montepulciano 

 Abbinamento con i   cibi

Indicato a tutto pasto, ma soprattutto con i primi piatti al ragù (i "pici" di Montepulciano) e naturalmente con le carni bianche e rosse.