Prosciutto Toscano Dop

Norme che regolamentavano le modalità di macellazione del maiale e il trattamento della sua carne possono essere fatte risalire, in Toscana, già all'VIII secolo d.C., ma è soltanto diverse centinaia di anni dopo, sotto il governo mediceo, che si trovano le prime testimonianze di leggi espressamente volte a regolamentare e proteggere il processo di produzione del prosciutto toscano, leggi che si sono tramandate senza cambiamenti fino ai giorni nostri.

Prodotto sull’intero territorio della regione, il Prosciutto Toscano Dop è uno dei prosciutti più pregiati e ricercati della Toscana. Viene lavorato utilizzando cosce fresche di suini nati, allevati e macellati in Toscana e in altre Regioni italiane. Il prodotto finito ha forma tondeggiante e pesa 8-9 chilogrammi. Il gusto, deciso ed aromatico, è tipicamente "saporito", non tanto per una maggiore presenza del sale, quanto per l'impiego durante la lavorazione di essenze e aromi naturali tipici toscani, quali aglio, rosmarino, ginepro, mirto. La fetta si presenta di colore rosso intenso con scarsa presenza di grasso. La stagionatura dura tra i 10 e i 12 mesi, a seconda del peso del prosciutto. Ha ottenuto il riconoscimento DOP nel 1996.