Monteregio di Massa Marittima

Quella di Monteregio di Massa Marittima è una Doc di recente costituzione che tuttavia designa una viticoltura di secolari tradizioni. Ricco di storia è soprattutto il suo territorio, con quel gioiello che è Massa Marittima e gli altri borghi medievali che punteggiano la parte settentrionale della Maremma grossetana. È su queste verdi colline che nascono i vini della Doc Monteregio. Il Territorio del Monteregio di   Massa Marittima si estende sui comuni di Massa Marittima e Monterotondo  Marittimo e parzialmente sui comuni di Follonica, Scarlino, Gavorrano,  Roccastrada e Castiglione della Pescaia.

Le tipologie di Monteregio prodotto sono: Rosso, Rosato, Novello, Bianco, Vermentino, Vin Santo, Vin Santo   Riserva e Vin Santo Occhio di Pernice.

 Vitigno

La tipologia Bianco si ottiene con uve Trebbiano toscano (minimo 50%), Vermentino, Malvasia bianca, Malvasia bianca di Candia e Ansonica, da soli o insieme per un massimo del 30%, con l'eventuale aggiunta di altre varietà a bacca bianca della zona (singolarmente nel limite del 15% e congiuntamente non oltre il 30%). Le tipologie Rosso e Rosato si ottengono da uve Sangiovese (minimo 80%) e eventualmente da altri vitigni a bacca rossa non aromatici della zona (singolarmente nel limite del 10% e congiuntamente non oltre il 20%). Il Monteregio di Massa Marittima Vermentino si ottiene con le uve del corrispondente vitigno in percentuale minima del 90% e con l'eventuale aggiunta di altri vitigni a bacca bianca autorizzati. La tipologia Vin Santo si ottiene con uve Trebbiano toscano e Malvasia, congiuntamente o disgiuntamente per una percentuale minima del 70% ed eventualmente con quelle di altri vitigni a bacca bianca della zona. La tipologia Vin Santo Occhio di Pernice, infine, si ottiene da uve Sangiovese (50-70%), Malvasia nera (10-50%) ed eventualmente da quelle di altri vitigni a bacca rossa della zona.

 Caratteristiche

Aspetto   

Il Monteregio di Massa Marittima Rosso presenta un colore rosso rubino di buona intensità. Il Monteregio di Massa Marittima Bianco ha colore giallo paglierino tenue. La tipologia Vin Santo presenta un colore che varia dal giallo paglierino al dorato, all'ambrato intenso.

Profumo  

La tipologia Rosso ha un odore vinoso, fruttato, il Bianco ha odore intenso e delicato La tipologia Vin santo ha profumo etereo, intenso e caratteristico.

Gusto  

Il Monteregio di Massa Marittima Rosso ha un sapore secco, la tipologia  Bianco ha sapore asciutto di media corposità. La tipologia Vin santo ha sapore armonico, vellutato con più pronunciata rotondità per il tipo Amabile

Gradazione   La gradazione minima del Monteregio di Massa Marittima Rosso è di 11,50% vol. Il Monteregio di Massa Marittima Bianco ha una gradazione minima di 11,00% vol, mentre per la tipologia Vin Santo la gradazione minima è di 16,00% vol.
Età ottimale  

I vini a Denominazione di Origine controllata Monteregio di Massa Marittima Rosso e Monteregio di Massa Marittima Sangiovese, sottoposti ad un periodo di invecchiamento obbligatorio di minimo 2 anni, di cui almeno 6 mesi in botti di legno e 3 mesi di affinamento in bottiglia, possono portare in etichetta la qualifica "riserva".

 

 

  Zona di produzione

  

  Tipologie

  • Monteregio di Massa Marittima Rosso
  • Monteregio di Massa Marittima Rosato
  • Monteregio di Massa Marittima Novello
  • Monteregio di Massa Marittima Bianco
  • Monteregio di Massa Marittima Vermentino
  • Monteregio di Massa Marittima Vin Santo
  • Monteregio di Massa Marittima Vin Santo   Riserva
  • Monteregio di Massa Marittima Vin Santo Occhio di Pernice

 Calice e servizio

Il Monteregio di Massa Marittima Bianco va servito in calici svasati a una temperatura di 8-10 °C. La tipologia Rosso in calici bordolesi a una temperatura di 16-18 °C. La tipologia Vin Santo in piccoli calici a una temperatura di 10-12 °C.  

 

  Abbinamento con i   cibi

Il Monteregio di Massa Marittima Bianco si presta a essere abbinato a piatti a base di pesce, in particolare molluschi e crostacei, e a pietanze poco strutturate come il marzolino, la minestra di riso, l'acquacotta. La tipologia Rosso si accompagna invece a secondi piatti a base di carni rosse e bianche e a primi piatti molto saporiti. La tipologia Vin Santo è ideale a fine pasto assieme ai dolci tradizionali toscani e alla pasticceria secca.