Capalbio

La Doc Capalbio comprende vini bianchi, rossi, rosati, vin santi prodotti nella zona collinare e pedecollinare della parte meridionale della provincia di Grosseto. Si tratta di un territorio di antica produzione enologica dove la bellezza selvaggia della macchia mediterranea lascia spazio a colline ricche di oliveti e vigneti, che si alternano agli antichi centri archeologici di origine etrusca e romana, creando uno scenario unico di immenso valore culturale e ambientale.

I vitigni ed i vini presenti in questa area sono ricordati fin dal tempo dei romani: la loro esportazione avveniva salpando con le navi dal porto della città di "Cosa"; furono valorizzati ulteriormente nel medioevo e si affermarono in particolare nel 1600 con la costituzione dello "Stato dei Presidi".

La zona di produzione comprende parte dei territori amministrativi dei comuni di Magliano in Toscana, Orbetello, Manciano e Capalbio in provincia di Grosseto. La Doc Capalbio, riconosciuta nel 1999, è disponibile nelle tipologie Bianco, Rosso, Rosso Riserva, Rosato, Cabernet sauvignon, Sangiovese, Vermentino, Vin santo.

 Vitigno

Sangiovese, con almeno il 50%, rappresenta il vitigno base per la produzione del Capalbio Rosso e Rosato; per il rimanente 50% possono concorrere vitigni a bacca nera autorizzati e raccomandati per la provincia di Grosseto. Il Trebbiano Toscano presente almeno al 50% rappresenta il vitigno base per la produzione del Capalbio Bianco e Vin Santo, per il rimanente 50% possono concorrere vitigni a bacca bianca autorizzati e raccomandati per la provincia di Grosseto. Con la presenza di almeno l'85% dell'omonimo vitigno si può produrre Capalbio Vermentino, Capalbio Sangiovese, Capalbio Cabernet SauvignonCon l'invecchiamento di almeno due anni, di cui 6 mesi minimo in botti di legno, si può produrre la tipologia di Capalbio Rosso Riserva. La produzione massima per ha è di 110 qli per i vini rossi e 115 per i vini bianchi.

 Caratteristiche

Aspetto   

Il Capalbio Bianco presenta un colore giallo paglierino scarico. Il Capalbio Rosso presenta invece un colore rosso rubino più o meno intenso. Il Capalbio Rosato presenta un colore rosa più o meno intenso tendente al granato con l'invecchiamento.

Profumo   Il Capalbio Bianco ha un odore delicato, fresco e fruttato, il Rosso ha odore vinoso e caratteristico. L'odore del Rosato è ampio e vinoso.
Gusto   Il sapore è asciutto per il Bianco; armonico, asciutto, sapido, giustamente tannico per il Rosso; asciutto, fruttato, caratteristico per il Rosato.
Gradazione   La gradazione alcolica minima è di 10,50% vol per le Bianco, di 11,00% vol per il Rosso e il Rosato e di 16,00% vol per il Vin Santo.
Età ottimale   Per la tipologia "Capalbio" Rosso Riserva è obbligatorio l'invecchiamento di almeno 2 anni, di cui 6 mesi minimo in botti di legno.

 Calice e servizio

Il Capalbio Bianco e il Capalbio Vermentino vanno serviti in calici svasati a una temperatura di 8-10°C.  Il Capalbio Rosso e i monovarietali rossi in calici bordolesi a una temperatura compresa tra i 16 e i 18°C.  Il Rosato va servito in calici ampi e aperti a una temperatura di 12-14°C.  Il Capalbio Vin santo, infine, va servito in piccoli calici a una temperatura di 12-14°C.

 

  Zona di produzione

  

  Tipologie

  • Capalbio Bianco
  • Capalbio Rosso
  • Capalbio Rosso Riserva
  • Capalbio Rosato
  • Capalbio Cabernet sauvignon
  • Capalbio Sangiovese
  • Capalbio Vermentino
  • Capalbio Vin santo
 Abbinamento con i   cibi

Il Capalbio Bianco e il Capalbio Vermentino si accompagnano bene alla cucina di mare, in particolare a molluschi e crostacei e a piatti tipici toscani come la panzanella, il marzolino, la minestra di riso. Il Capalbio Rosso e i monovarietali rossi vanno degustati in abbinamento a piatti strutturati come i fegatelli, il polpettone alla fiorentina, la ribollita, la bistecca alla fiorentina, la lepre. Il Rosato si accompagna, invece, perfettamente alla panzanella, ai crostini alla toscana, al lardo di Colonnata, alla caciotta toscana, alla pappa al pomodoro, alla zuppa di lenticchie e ai legumi in genere. Il Capalbio Vin santo è adatto a essere degustato assieme a dolci e pasticceria secca come i biscottini di Prato, i brigidini, il castagnaccio, i ricciarelli.